Arriva Flyme OS 5.1.1.0 : la prima versione stabile per Meizu PRO 5 – (download)

 

111244i288quhgf4uifltf.png.thumbLa lunga attesa per i possessori di Meizu PRO 5 è finita, infatti, la versione stabile di Flyme 5 è stata rilasciata.

La versione è la 5.1.1.0 ed è pronta per essere installata sul top di gamma di casa Meizu.

Molti problemi vengono risolti e molte applicazioni risultano diventare più fluide.

Per chi fosse interessato, questo è il link che vi rimanderà alla pagina dove potrete scaricare la versione stabile di Flyme 5 per Meizu PRO 5: Flyme OS 5.1.1.0 per Meizu PRO 5 (versione stabile)

ATTENZIONE: questo blog non si assume nessuna responsabilità per i danni causati al vostro dispositivo in seguito all’installazione di questa rom. Le modifiche non sono adatte ai meno esperti in quanto potrebbero causare malfunzionamenti o nel peggiore dei casi portare al ‘Brick’ dello smartphone danneggiandolo irreversibilmente. Le modifiche interessano dei parametri normalmente non modificabili. Tutte le modifiche che apporterete al vostro dispositivo le farete a vostro RISCHIO E PERICOLO!

 

Lo stile Blackberry sul tuo smartphone: scarica il calendario, il launcher, la tastiera e gli sfondi – (Download apk)

Blackberry ha lanciato sul mercato il suo ultimo smartphone, il Blackberry Priv.

13-novembre_cosacompri_key4biz_blackberry-priv-1

Uno smartphone bello ed elegante, che si distingue dalla massa, caratterizzato dalla presenza di una tastiera fisica (segno distintivo di casa Blackberry). Uno smartphone ben progettato, ma che viene venduto ad un prezzo forse troppo alto (799 euro) per riuscire a conquistare fin da subito acquirenti che sono abituati a spendere queste cifre, ma per device di altri produttori già ben affermati nel mondo degli smartphone Android o iOS.

Se anche voi siete attratti dal Blackberry Priv e volete provare la sua esperienza d’uso (naturalmente solo per quel che riguarda la parte software), potete scaricare gli apk che renderanno il vostro smartphone simile al Priv, almeno nell’aspetto.

Qui di seguito i link per poter scaricare gli apk:

Richiedere la versione desktop del sito nel caso in cui decidiate di effettuare il download direttamente dallo smartphone.

Sono disponibili anche questi sfondi:

wallpaper1a

wallpaper2a

wallpaper3a

wallpaper4a

wallpaper5

 

Flyme OS 5.5.11.24 Beta per MX5/PRO5/Blue Charm Metal – (Download)

114831p9xe7lslrr39glsp.png.thumb

Ad una settimana di distanza rilasciata una nuova versione beta di Flyme, più precisamente la Flyme OS 5.5.11.24.

Con questa nuova versione sono stati apportati diversi miglioramenti: è migliorato il risparmio energetico, risolto il problema delle chiamate in entrata quando lo smartphone era in tasca, miglioramenti nella visualizzazione dei messaggi e aggiunta la visualizzazione dei messaggi  non letti, miglioramenti della fotocamera, ottimizzazione della calcolatrice, risolti problemi della tastiera stock, risolti alcuni problemi del multitasking, risolto il problema che impediva la visualizzazione della batteria in stato di carica, miglioramento della black list e della white list per evitare di essere importunati, miglioramento dell’autofocus per i video (PRO 5) ed infine una migliore traduzione di tutto il sistema (anche se ancora il sistema non è stato tradotto completamente).

Questo aggiornamento porta molti miglioramenti e se questa è la strada che Meizu ha deciso di seguire, la versione finale di Flyme 5 darà davvero tante soddisfazione.

Se volete effettuare l’aggiornamento non vi resta che effettuare il download di Flyme OS 5.5.11.21 beta. Voglio ricordare ancora che l’aggiornamento è riservato ai possessori di Meizu MX5, di Meizu PRO 5 e di Meizu Blue Charm Metal.

ATTENZIONE: questo blog non si assume nessuna responsabilità per i danni causati al vostro dispositivo in seguito all’installazione di questa rom. Le modifiche non sono adatte ai meno esperti in quanto potrebbero causare malfunzionamenti o nel peggiore dei casi portare al ‘Brick’ dello smartphone danneggiandolo irreversibilmente. Le modifiche interessano dei parametri normalmente non modificabili. Tutte le modifiche che apporterete al vostro dispositivo le farete a vostro RISCHIO E PERICOLO!

 

Android 6, 6.0.1 e 6.1 Marshmallow: aggiornamenti e lista dei cellulari compatibili

Google-Android-M-1024x524

Samsung è stata una delle prime a rendere noto l’elenco dei terminali che riceveranno l’aggiornamento all’ultima versione di Android. Nella lista sono presenti questi smartphone: Samsung Galaxy Note 5, Samsung Galaxy S6 Edge Plus, Samsung Galaxy S6, Samsung Galaxy S6 Duos, Samsung Galaxy S6 Edge, Samsung Galaxy Note 4, Samsung Galaxy Note 4 Duos, Samsung Galaxy Note Edge, Samsung Galaxy Alpha, Samsung Galaxy Tab A.

Ancora non sappiamo quando inizierà il rollout, ma questo avrà un’accelerazione solo con l’inizio del 2016.

Neanche per gli smartphone HTC conosciamo i tempi necessari per l’aggiornamento, ma gli smartphone che lo riceveranno sono riportati nella seguente lista: HTC One M8, HTC One M9+, HTC One E9+, HTC One E9, HTC One ME, HTC One E8, HTC One M8 Eye, HTC Butterfly 3, HTC Desire 826, HTC Desire 820, HTC Desire 816.

Android M sarà compatibile con Moto G di seconda generazione e versione LTE, Moto X di seconda generazione, Moto G di terza generazione, Moto X Play, Moto X Style.

Tanti sono anche gli smartphone della Sony che riceveranno Android Marshmallow: Sony Xperia Z5, Sony Z5 Compact, Sony Z5 Premium, Sony Z3, Sony Z3 Plus e Sony Z3 Compact, Sony E3, Sony E4, Sony M2, Sony M4 Aqua, Sony M5, Sony C4, Sony C5 Ultra, Sony T2 e Sony T3.

Per quanto riguarda i Nexus (il 5X ed il 6P sono gli smartphone con Android 6.0 già installato) i primi che riceveranno Marshmallow sono Nexus 5, Nexus 6, Nexus 7, Nexus 9.

Anche il colosso cinese Huawei ha reso noto che Android M arriverà su Huawei P8, Mate 7, Mate S, P8 Youth Edition, P8 Max, Maimang 4, G7 Plus, G7, ma anche su Honor 7, Honor 7i, Honor 6 Plus, Honor 6, Honor X2, Honor X4, Honor Play 4C.

Novità gradita è quella rivelata via Twitter da LlabTooFeR, cioè, lo sviluppo degli aggiornamenti di Android 6.0.1 e Android 6.1 Marshmallow; questo il messaggio lasciato su Twitter, nel quale viene indicata anche una tabella di marcia dello sviluppo degli aggiornamenti: “Android 6.0.1 and 6.1 are available in Google’s labs. Android 6.0.1 to be released in next few months. Android 6.1 next year”.

Google assicura che con Android Marshmallow è possibile trasferire più facilmente account, app e dati su un nuovo dispositivo. Nel processo di configurazione viene data l’opportunità di aggiungere un altro account email aziendale o personale. E ancora: backup automatico per le app e ripristino di impostazioni di sistema aggiuntive come impostazioni di sincronizzazione, app preferite, impostazioni di Non disturbare, impostazioni di accessibilità e IME abilitati.

Android: da Apple pie a Nougat e ancora oltre

Android è il sistema operativo mobile più diffuso al mondo, utilizzato da più di un miliardo di smartphone e tablet. Tutti i nomi del sistema operativo mobile di Google portano il nome di un dolce e la prossima versione si chiamerà Android Nougat.

evoluzione-storia-android

La prima versione di Android è stata pubblicata il 23 settembre 2008 e l’HTC Dream è stato il primo telefono (smartphone) a montare questo sistema operativo.
Le caratteristiche di questo primo device fanno un po’ sorridere, effettuando un paragone con gli smartphone di oggi, ma bisogna anche considerare che quello rappresentava il primo mattone di una grande opera che sta diventando sempre più grande. Lo schermo dell’HTC Dream era di tipo resistivo, 3,2 pollici di diagonale ed una risoluzione HVGA (320×480 pixel), la fotocamera da 3,2 megapixel, la memoria interna da 192 MB era espandibile tramite Micro SD fino ad 8 GB, la batteria da 1150 Mah ed una connettività abbastanza buona completavano il tutto. Cliccando qui potrete leggere tutte le caratteristiche tecniche dell’HTC Dream e commuovervi ricordando i tempi passati.

images

I nomi delle diverse versioni di Android seguono un ordine alfabetico e vanno ad indicare tutte un dolce. La scelta di abbinare ogni versione ad un dolcetto sembra sia dovuta al fatto che un portavoce di Google abbia spiegato che gli smartphone ed i tablet addolciscono la nostra vita.

Ecco la lista completa di tutte le versioni di Android (almeno per ora):

  • Android 1.0 Alpha (Apple Pie)
  • Android 1.1 Beta (Banana Bread)
  • Android 1.5 Cupcake
  • Android 1.6 Donut
  • Android 2.0 – 2.1 Eclair
  • Android 2.2 – 2.2.3 Froyo
  • Android 2.3 – 2.3.7 Gingerbread
  • Android 3.0 – 3.2.6 Honeycomb
  • Android 4.0 – 4.0.4 Ice Cream Sandwich
  • Android 4.1 – 4.3.1 Jelly Bean
  • Android 4.4 – 4.4.4 KitKat
  • Android 5.0 – 5.1.1 Lollipop
  • Android 6.0 – Marshmallow
  • Android 7.0 – Nougat

Android da Apple pie a Nougat e ancora oltre

Android consente di utilizzare una serie smisurata di app (sia gratuite che a pagamento) che possiamo scaricare dal Play Store (precedentemente denominato Android Market); al suo interno abbiamo a disposizione circa 1,5 milioni di app che hanno raggiunto i 50 miliardi di download.

play_store Nougat

Dal 2014 Google ha rilasciato Android Wear, una versione di Android progettata ed ottimizzata per smartwatch e altri dispositivi indossabili. Questa nuova piattaforma è basata maggiormente sui comandi vocali e su delle gesture; collegando i dispositivi con Android Wear al nostro smartphone, possiamo leggere le notifiche, ricevere aggiornamenti  dai Social, controllare la riproduzione musicale, monitorare alcune attività fitness.

android-wear Nougat

Android è un sistema operativo veramente versatile che può essere utilizzato veramente su qualsiasi apparecchio tecnologico; esistono infatti le Android TV, Android Auto e tutta una serie di Mini Pc che possiamo utilizzare per effettuare ricerche, guardare film, ascoltare musica o giocare. Oltre ai progetti già realizzati, i produttori di oggetti di tutto il mondo cercano di utilizzare Android per creare qualcosa di sempre più innovativo e che possa migliorare e facilitare la nostra vita.

lessbrowsing Nougat

android-auto

Android ha subito un’evoluzione gigantesca da Apple Pie a Marshmallow e chissà cosa ci riserverà in futuro con Nougat.

Ti è piaciuto questo articolo? Se la risposta è si, allora lascia un mi piace alla pagina Facebook di Darth News Side, seguimi su Twitter e su Instagram. Inoltre, iscriviti al canale Telegram per ricevere tante notizie ed offerte direttamente sul tuo smartphone.

Leggi e #retwitta questo articolo 😉 Il contenuto è interessante e sarebbe un peccato non condividerlo con i tuoi amici. Passa al lato oscuro delle notizie. Leggi le notizie di #DarthNewsSide 😉 Condividi il Tweet

Arriva Flyme 5 in versione Beta per Meizu Pro 5 – (Download)

id475418_1

Una buona notizia per i possessori e per quelli che vorrebbero acquistare un Meizu Pro 5: è stata rilasciata la versione Beta della Flyme 5 per il top di gamma di casa Meizu.

Questo firmware non potrà essere installato tramite OTA, questo perché si tratta di una versione Beta. Quindi, chi vorrà, dovrà installare l’aggiornamento manualmente. Questa Beta porta dei miglioramenti della UI, una maggiore reattività e qualità della personalizzazione grafica avendo la possibilità di avere lo split screen, una app fotocamera tutta nuova, diversi miglioramenti generali ed un refresh di tutta la grafica.

Chi fosse interessato ad effettuare l’aggiornamento potrà avere maggiori informazioni ed effettuare il download a questo indirizzo.

Pagina Meizu ufficiale in cinese.

ATTENZIONE: questo blog non si assume nessuna responsabilità per i danni causati al vostro dispositivo in seguito all’installazione di questa rom. Le modifiche non sono adatte ai meno esperti in quanto potrebbero causare malfunzionamenti o nel peggiore dei casi portare al ‘Brick’ dello smartphone danneggiandolo irreversibilmente. Le modifiche interessano dei parametri normalmente non modificabili. Tutte le modifiche che apporterete al vostro dispositivo le farete a vostro RISCHIO E PERICOLO!

 

Alexa Rank: cos’è e a cosa serve questo indicatore che fa parte del gruppo Amazon

L’Alexa Rank è un indicatore che misura il traffico di un sito, andando a considerare le informazioni degli ultimi tre mesi. Ma questo misuratore è veramente affidabile? I suoi dati sono da considerarsi assolutamente validi? Caratteristiche dell’Alexa Rank L’Alexa Rank misura il traffico dei vari siti internet prendendo i dati …

Il giorno di Windows 10: tutto quello che bisogna sapere

 

Windows_Product_Family_9-30-Event

Dopo una lunga attesa e una prova che ha coinvolto milioni di utenti, finalmente, arriva Windows 10. Windows è  il sistema operativo utilizzato dal 92% dei computer a livello mondiale, ma oggi il mondo dell’informatica ha mille sfaccettature e non si può pensare solo ai computer, ma bisogna collegare questi con tutti gli altri dispositivi esistenti.

Windows 10 arriva dopo Windows 8, saltando quindi quello che sarebbe dovuto essere il successore naturale (seguendo l’ordine numerico), cioè, Windows 9. Questa scelta è stata effettuata per indicare la rottura con il passato. Windows 10 sarà l’ultima versione del sistema operativo (almeno per come lo abbiamo sempre conosciuto), infatti, in futuro sono previsti solo degli aggiornamenti costanti per introdurre delle novità e per migliorare il prodotto; questi aggiornamenti saranno scaricati dal cloud Microsoft in modo automatico e senza l’intervento dell’utente. Sarà un sistema più sicuro che ci aiuterà a combattere malware e virus attraverso la funzione Defender.

Possiamo affermare che Windows 10 è un sistema operativo camaleontico, questo perché andrà ad adattarsi ai diversi dispositivi: sui computer potrà essere utilizzato con il mouse, su smartphone e tablet avrà una nuova interfaccia per il touchscreen, sulla console Xbox è ottimizzato per la tv. I dispositivi potranno comunicare tra loro grazie al cloud, in un sistema sempre connesso e sincronizzato; sarà presente anche un unico store dei programmi, in questo modo dopo aver acquistato la versione per pc si avrà l’app corrispondente sugli altri dispositivi.

Tra le novità più importanti in questa versione di Windows c’è Hello, un sistema di accesso sicuro tramite sensori e videocamere che andrà ad eliminare le password. Su Windows 10 ci sarà il ritorno del tasto Start, che era stato eliminato nelle ultime versioni scatenando le proteste di molti utenti. Molto atteso è anche il nuovo browser Edge che rappresenta la nuova versione del classico Internet Explorer; Edge sarà completamente ridisegnato per offrire una migliore navigazione e avrà molte novità interessanti come quella di aggiungere note e appunti o evidenziare una parte della pagina che andremo a visitare.

Arriva anche su pc Cortana, cioè, l’assistente vocale che ci aiuterà nelle ricerche e nei compiti di tutti i giorni. Cortana è una via di mezzo tra Google Now di Android e Siri di Apple e riesce ad apprendere le abitudini di chi la usa. L’assistente vocale di Windows si è mostrato molto funzionale sui Windows Phone e sta per arrivare anche sugli smartphone e i tablet Android (per maggiori informazioni sull’arrivo di Cortana su Android vi rimando a questo articolo), quindi pensiamo che potrà rappresentare un punto di forza anche sui computer.

Queste sono solo alcune delle novità portate da Windows 10, ma per riuscire a scoprirle e apprezzare tutte non ci resta che effettuare l’aggiornamento e provarle in prima persona.

Per quanto riguarda l’aggiornamento, questo sarà gratuito per il primo anno e per chi ha una versione di Windows dalla 7 in poi, per gli altri utenti il costo della licenza sarà di circa 130 euro. Anche se l’arrivo di Windows 10 è previsto per oggi (29 luglio 2015) non tutti riusciranno a scaricarlo in questa giornata, questo per non intasare i server, quindi bisogna aspettare la notifica sul proprio pc prima di entrare in quello che sarà il futuro di Windows.

Cicret Bracelet: lo smartphone sulla pelle

cicret_bracelet-working-300x158

Il Cicret Bracelet nasconde un’idea innovativa! Si tratta di un bracciale che consente di interagire con il proprio smartphone o tablet proiettando lo schermo direttamente sul polso rendendo la nostra pelle touchscreen!

cicrect-bracelet-scheda-tecnica

Grazie ad un proiettore e a un sistema di 8 sensori riesce a mostrare lo schermo dello smartphone sul nostro avambraccio permettendoci di interagire in modalità touch.

Il progetto di questo braccialetto è stato mostrato per la prima volta in un video nel novembre del 2014 ed ha avuto un grande successo, raggiungendo 45 mila followers su Facebook, 10 milioni di visualizzazioni su YouTube e 6000 donatori.

cicret-bracelet-prototipo

Grazie a questa popolarità e, soprattutto, ai donatori, i ragazzi che hanno ideato il Cicret Bracelet hanno potuto portare avanti lo sviluppo, rilasciando a febbraio il video del primo prototipo di Cicret Bracelet.

Il lavoro da fare è ancora tanto, ma presto potremmo avere il primo prodotto commercializzabile, visto che in pochi mesi è stato presentato un prototipo con interfaccia touch funzionale.

Voi cosa pensate di questo braccialetto? Siete scettici e pensate sia solo un “giocattolino” o  non vedete l’ora che diventi reale e acquistabile?

cicret_bracelet-colori-300x167

Fateci sapere attraverso i vostri commenti.

Twitter si rinnova con pagine dedicate a prodotti e a luoghi

Twitter sta provando a rinnovarsi attraverso delle modifiche che metteranno al centro del palcoscenico un prodotto o un argomento. Ci saranno, quindi, pagine dedicate ad un luogo, ad un libro o ad un disco, dove verranno inserite, tra le altre cose, la descrizione del prodotto o del luogo, il prezzo, link utili e anche un tasto per poter procedere subito all’acquisto.

Le prime immagini ci mostrano come sarà la nuova veste di Twitter su iPhone:

twitter-pagine-dedicate-362x470Molto probabilmente anche su Android la funzionalità sarà uguale, o comunque molto simile, e l’aspetto significativo della nuova grafica è che i tweet finiscono in secondo piano rispetto alle informazioni mostrate inizialmente, e questa è una vera svolta per il social network.

Un’altra novità è rappresentata dalle collezioni, cioè, pagine che vengono curate e gestite da alcune aziende, da alcuni giornali o da alcuni VIP, e si concentrano sempre sui prodotti raggruppandoli per argomento:

twitter-collezioni-596x470Per adesso esiste un numero limitato di collezioni, ma se la fase di testing sarà positiva, molto probabilmente ci sarà un’espansione.

Questi sono gli utenti che potranno gestire una collezione per ora:

twitter-collezioni-2-491x470Dopo la fase di testing potranno essere fornite nuove informazioni; per ora fateci sapere cosa ne pensate commentando l’articolo.