Android O: Google rilascia le prime Developer Preview

Google non aveva fatto trapelare nulla, ma oggi sono state rilasciate le prime Developer Preview di Android O (Android Oreo?). Comunque tutti eravamo in attesa di qualche notizia di questo tipo perché anche lo scorso anno il rilascio delle Developer Preview per Android N avvenne in questo periodo.

Android O sarà la prossima major release del sistema operativo mobile di Google che verrà ufficializzata al prossimo Google I/O 2017 (17-19 maggio presso la Shoreline Amphitheatre di Mountain View, in California).

Le ROM sono disponibili per Google Pixel, Google Pixel XL, Google Pixel C, Nexus 5X, Nexus 6P e Nexus Player. Non sono presenti le ROM per il Nexus 6 ed il Nexus 9 (probabilmente Google ha deciso di interrompere il supporto ufficiale)

Novità di Android O

Le novità principali di Android O riguardano i limiti delle app in background, la funzionalità Picture in Picture per smartphone e tablet ed il nuovo Notification channel. Queste sono le principali novità, ma ce ne sono molte altre.

Background limits:

Attività in background delle varie applicazioni limitate per avere un maggiore risparmio energetico e, di conseguenza, una maggiore durata della batteria.

Notification channels:

Gli sviluppatori potranno raggruppare le notifiche per categoria e gli utenti avranno la possibilità di gestire al meglio le notifiche (decidendo anche quali bloccare e quando). Inoltre sarà più semplice l’identificazione grazie al nuovo aspetto (gli sviluppatori potranno scegliere il colore) e al nuovo tipo di raggruppamento.

Picture in Picture:

Gli utenti potranno continuare a guardare un video mentre utilizzano altre app (navigano sul browser o rispondono ad un messaggio). I controlli presenti nell’interfaccia Picture in Picture saranno scelti dagli sviluppatori. Presente una nuova modalità di overlay ed il supporto al multi-display per poter avviare e gestire un’attività su un secondo display.

Autofill API:

Si potrà definire un’applicazione da sfruttare per il completamento automatico come è possibile definire la galleria o la tastiera predefinita. Gli sviluppatori potranno aggiungere la nuova API per compilare dei campi che si ripetono (indirizzi e-mail, password, ecc.).

Icone auto adattanti:

Le icone possono cambiare forma in base al tema utilizzato dall’utente. Le immagini riescono a far capire meglio il tutto.

Font XML:

Le varie app potranno utilizzare un font in layout XML e definire famiglie di font in XML.

Navigazione da tastiera:

Su Android O ci sarà un miglioramento dell’utilizzo delle frecce e del pulsante Tab.

Audio:

AAudio è una nuova API che può garantire prestazioni elevate ed una bassa latenza. Attraverso il supporto al codec LDAC su Android O ci sarò una maggiore qualità di ascolto tramite lo speaker e le cuffie Bluetooth.

Connettività:

Ci sono dei miglioramenti e delle nuove funzionalità legate al Wi-Fi. Un esempio è il Wi-Fi Aware. I dispositivi (se dotati di un particolare hardware) riusciranno a comunicare tra di loro con il Wi-Fi senza disporre di un access-point collegato alla rete.

WebView:

La modalità multi-processo viene abilitata di default su Android O attraverso l’aggiunta di un’API che gestirà errori e crash (il tutto per migliorare la stabilità e la sicurezza). Con Google Safe Browsing possono essere verificate le URL.

Wide-gamut color:

I display con un’ampia gamma cromatica (Pro Photo RGB, Adobe RGB, ecc.) potranno essere sfruttati al meglio dalle app.

Java 8 e runtime:

Android O supporta nuove API java (per esempio la nuova java.time). Android Runtime, inoltre, risulta molto più veloce (fino al doppio) in alcuni benchmark.

Ecco dove scaricare la Developer Preview di Android O

Se siete interessati a scaricare la ROM per il vostro dispositivo, potete farlo cliccando qui.

Non ci sono notizie su preview per Android Wear per il momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.